Friendly

FRIENDLY Srl è una società con fini sociali e senza scopo di lucro, che ha l’obiettivo di progettare e ottimizzare ausili in grado di rispondere alle esigenze specifiche e alle necessità evidenziate da persone con disabilità.

Alla sua origine ci sono le esigenze di alcuni ragazzi paraplegici – fra cui un ex pilota motociclista rimasto paralizzato dalla vita in giù a seguito di un incidente di gara – che mostrarono un mezzo di trasporto basato su un sistema autobilanciante tipo “Segway” alla ditta milanese COMEPRE, specializzata nella lavorazione di titanio e altri materiali speciali, chiedendole di realizzarne uno simile. Verificato che gli esemplari all’epoca in commercio erano assai pochi, molto costosi, pesanti e difficili da trasportare, COMEPRE si ingegnò risolvere i problemi del mezzo e creare una carrozzina più versatile e pratica. Per portare a compimento questo progetto COMEPRE coinvolse altri attori, tra i quali la Fondazione Mantovani Castorina onlus e altri amici, e con costoro fondò FRIENDLY Srl.

Oggi sono soci di FRIENDLY Srl:

Primo progetto di FRIENDLY è la carrozzina Seat Way, frutto dell’apporto delle capacità tecnologiche e dell’impegno di soci di Friendly e di vari altri volontari, che hanno contribuito e ancora collaborano alla sua messa a punto. In particolare, oltre a COMEPRE, che ha curato la realizzazione meccanica, elettronica e l’assemblaggio dei prototipi, la progettazione della struttura è firmata da Alberto Meda, noto ingegnere e designer, conosciuto in tutto il monto per le sue realizzazioni, alcune delle quali esposte nei più famosi musei del mondo tra cui il MOMA, mentre l’ergonomia della seduta, così come i materiali di imbottitura e rivestimento, sono in fase di studio e messa a punto da parte del socio VITRA AG, azienda svizzera ben nota e specializzata proprio in tale settore.

Oltre alla carrozzina Seat Way, FRIENDLY ha anche messo a punto, grazie alla ricerca e sviluppo da parte della Cooperativa Sociale Sim-Patia, un sistema di azionamento di ascensori utilizzabili da persone con differenti tipologie di disabilità, applicabile anche ad impianti già esistenti.